Buzz ha ucciso Wave ?

2 Flares Twitter 0 Facebook 1 Google+ 1 LinkedIn 0 Email -- 2 Flares ×

Google Buzz logoLa prima impressione vedendo il video di presentazione di Google Buzz è che la prima vittima di questa nuova funzionalità dell’universo Google non sarà solo Twitter ( per rispondere al quesito dell’amico Gigi Cogo nel suo blog Webeconoscenza ) ma sicuramente Google Wave.

Nel video mi sembra chiaro come Google si sia sforzata di integrare parecchie funzioni già presenti in Wave all’interno di Gmail tramite la funzionalità Buzz.
Sinceramente questa mossa non mi è chiara, Wave aveva acceso la fantasia di molti ma il progetto per qualche motivo sembrava arenato, la mancanza di un roll-out definitivo e il fatto che non vi fosse nessun sistema di notifica delle wave integrato con l’account Gmail ha scoraggiato anche i più fedeli early adopters. Io ho dovuto aspettare che uscisse Firefox 3.6 e che su Chromium ( la beta di sviluppo di Chrome ) fosse possibile installare un Wave notifier per poter avere un minimo di stimolo all’utilizzo che però è stato frustrato dal blocco dello sviluppo della piattaforma e dal pochissimo interesse dei miei interlocutori ( e mio ) a comunicare con un sistema così chiuso e poco promettente.

Personalmente ritengo che la strada di Google sarebbe dovuta passare con più determinazione attraverso la release di Chrome proponendolo già integrato con tutto l’universo G. Integrazione con Docs, Calendar, Gmail e Wave avrebbero reso Chrome da subito un ambiente stimolante in cui produrre ed interagire e avrebbe aperto la strada ad un futuro lancio di Chrome Os a cui non pochi utenti si sarebbero affidati con fiducia avendo già sperimentato l’esperienza utente in ambiente Google. Invece è uscito un ottimo browser ma un po’ raffazzonato nelle finiture e che una volta implementato con diverse estensioni diventa pesantissimo e pieno di bug ( soprattutto nella versione Mac ).

Google invece sembra andare avanti a strappi e tentativi, sembra aver perso lo spunto e la freschezza iniziale e ultimamente sta inanellando una serie di stop & go preoccupanti, un esempio tra tutti è la completa mancanza di integrazione in qualsiasi progetto di Orkut che ormai non sembra più entrare in nessuna equazione .

Attendo comunque con ansia che il mio account Gmail sia abilitato ad utilizzare Buzz e di vedere nel G universe quella convergenza di tools e funzionalità che come utente mi aspetterei.

  • http://www.webeconoscenza.net gigicogo

    Una cosa che non ho mai capito. Ma su Wave non potevano metterci un sistema di alerting basato su Gmail?
    Misteri!

    Per quanto riguarda il SO, ho grosse perplessità. Un sistema webbased va bene per un iPad non per un netpc, IMHO!

  • Emanuele

    Partito Buzz. lo sto testando or ora.
    E’ definitivamente il de profundis di Wave. mi sembra bene comunque.

2 Flares Twitter 0 Facebook 1 Google+ 1 LinkedIn 0 Email -- 2 Flares ×