L’Italia dell’età della pietra

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Email -- 0 Flares ×

Se in Italia non si fa innovazione e non ci sono startup tecnologiche a livello mondiale un motivo c’è , anzi più di uno.

Da due anni ormai mi sto occupando di un importante progetto web, un portale sul turismo legato a concetti di esperienza, sicurezza e meeting on-site tra locali e viaggiatori. Il progetto si chiama easytovisit e ha richiesto ( e sta richiedendo ) enormi risorse sia economiche che umane per essere implementato.

I problemi riguardano soprattutto l’aspetto economico, il reperimento di risorse per la fase di ricerca e sviluppo del progetto e le problematiche fiscali, finanziarie legate ai pagamenti online.

Siamo un paese fermo agli anni 80 come strumenti di finanziamento alla progettualità e alle imprese, con un’offerta di gateway di pagamento da terzo mondo e soprattutto non pensati per niente che non vada oltre il banale “carrello” della spesa.

Responsabili commerciali delle banche che non sanno l’ABC del web, semplici passa carte con delle squallide brochurine nella 24 ore che quando gli parli di 1-click, server to server e PCI compliance ( la dice lunga il fatto che non esiste un wiki in Italiano sull’argomento ) sgranano gli occhioni e chiamano un loro superiore altrettanto ignorante ma con un paio di scatti in busta paga in più.

Ma non è certo colpa loro, sono gli istituti creditizi stessi che sono attaccati come le cozze allo scoglio a sistemi di transazione vecchi come il commercio stesso e quindi non formano il loro personale in maniera decente.

Poi, dopo ore di telefono e incontri, magari trovi il sistema che permette tali meraviglie tecnologiche ( che sono pane quotidiano per i gateway di pagamento oltreoceano ) ma la Banca stessa tira il culo indietro se il progetto esula dai più semplici standard commerciali del pleistocene, pensate che mi sono sentito dire da uno dei più importanti player del settore che loro nel business dei social network non ci entrano per politica aziendale, nel 2010, nel momento in cui tutte le aziende, anche quelle che fanno e-commerce tradizionale stanno implementando funzioni social nei loro sistemi online !!!! E la ragione ? Le polemiche su Youtube e Google VS la Repubblica Italiana, la normativa lacunosa e insufficiente rendono questi terreni sdruccioli e le cariatidi che reggono questo paese ( fatte della stessa pasta di quello squallido omarino che chiama Google GOGOL ) non vogliono innovare e cambiare le regole perchè andrebbero a rompere degli equilibri e delle rendite di posizione che investono i vertici del paese.

Qual’è il risultato di questa situazione ? Che una startup prima o poi deve prendere l’amara decisione di aprire una sede negli USA o in UK di fatto spogliando malvolentieri l’Italia di risorse economiche componenti di innovazione di cui il paese ha un disperato bisogno.

Per non parlare poi dell’assenza di Venture Capital o Business Angels, quei pochi, pochissimi che hanno della grana da investire non hanno la testa e il coraggio per fare del vero business sulla progettualità pura assumendosi il compito che i VC hanno all’estero e cioè quello di rischiare ( finanzio 10 progetti per 1 milione , nove vanno a bagno ma il decimo rende 100 milioni ).

Insomma siamo un paese che fino a che non vedrà un totale ricambio generazionale , fino a che queste cariatidi che giocano a fare i ragazzini a furia di ceroni, tinture, botox, di punture e di intrugli di stregoni non si faranno da parte per godersi i nipotini ( come accade in tutto il resto del mondo ) questo paese è condannato a vedere il meglio del suo potenziale progettuale e innovativo emigrare.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Email -- 0 Flares ×