Sallusti vs. der Spiegel un esempio di inciviltà ?

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Email -- 0 Flares ×

Di pancia. la mattina presto, prima di connettere il cervello, sono quasi arrivato a pensare che sì, ero d’accordo con l’articolo su il Giornale di oggi a firma di Vlad Sallusti, il signore delle cripte di Arcore, in risposta ad un pessimo articolo apparso su Der Spiegel nel quale un tizien qualsiasi faceva a pezzi l’Italia e gli Italiani prendendo spunto dal caso Concordia / Schettino …

… poi dopo una sana colazione, un bel bicchiere di acqua purificante finalmente i neuroni e il cuore si sono collegati e piano piano mi è venuto su uno schifo ed una tristezza senza pari.

Al pessimo articolo dello Spiegel l’Italia dovrebbe rispondere con dignità, fermezza e possibilmente volando in alto e magari anche con le dovute civili rimostranze sui loro strumenti social come invita a fare il Giornale sperando invece in raffiche di pernacchie e insulti.

Invece, in piena armonia con il becero stile di casa Berlusconi e con il populismo che ha contraddistinto la “cultura” di destra degli ultimi 15 anni il Giornale vellica la bestia che è in noi tentando di trasformare un articolo indegno dello Spiegel in una rissa transnazionale e un focolaio di odio tra stati europei. La cosa triste è che funziona.

Devo ricordarmi la prossima volta che mi indigno per il modo di ragionare di personaggi del genere che in fondo in fondo c’è un Sallusti dentro ognuno di noi, accovacciato in fondo ai recessi più oscuri della nostra anima, come un Gollum farneticante, con la differenza che per molti di noi poi basta ricollegare il cervello e/o una buona colazione.

AGGIORNAMENTO del 28/01/2012
Su Valigia Blu esce un interessante articolo che riporta una traduzione attenta dell’articolo originale del Der Spiegel che non sembra più così malevolo come il Giornale voleva far apparire, anzi, sotto sotto andava a criticare proprio i pregiudizi e il razzismo strisciante di cui invece è stato tacciato.

Sotto questa luce l’articolo di Sallusti è ancora più spregevole.

  • Mario Rossi

    Non sono per nulla sorpreso dalla critica mossa nei confronti del direttore del Giornale, al contrario.. sono tuttavia certo che se il medesimo articolo fosse stato contenuto in altra testata di stampa la posizione dei media italiani avrebbe avuto connotazioni di stima e condivisione, non certo di critica.
    Il problema italiano è proprio questo.. la recente e decennale esperienza berlusconiana ha avuto risvolti ancora più negativi di quanto si possa pensare, ha diviso il nostro paese in due parti ed ha tolto lucidità (anche) agli addetti ai lavori (in questo caso la stampa).
    Devo ammettere, pure nutrendo poca simpatia nei confronti del sig. Sallusti, in questo caso l’articolo non ha nulla di ignobile e non certo minaccia diatribe transnazionali.. E’ frutto di una riflessione lucida e (sfortunatamente) reale sulla identità e la storia di due paesi.
    Credo fermamente che una persona dotata di media intelligenza (cosa rara in una parte del nostro paese) possa intendere la replica del Giornale come un invito a non generalizzare il comportamento del singolo identificando un intero popolo, in particolare da parte di coloro i quali (utilizzando il medesimo termine di confronto) ne uscirebbero distrutti.. in particolare da parte di coloro a cui la parola “razza” dovrebbe essere cancellata dal vocabolario.
    Pertanto (a tutti coloro che hanno avuto modo di leggere il germanico articolo) chiedo.. siete davvero sicuri che la cosa migliore sarebbe stata (ancora una volta) rimanere in silenzio? io credo di no.. credo che questa sì, sarebbe stata pura codardia da millantare come presunta e inesistente superiorià culturale.
    E ancora, agli stessi che oggi criticano il sig. Sallusti dico di lamentarsi (come hanno fatto) quando i signori d’oltralpe ridono di noi.. non ne hanno il diritto.

  • Emanuele

    Gent.mo Armando ( perchè si firma Mario Rossi ? ),
    tra il rimanere in silenzio e abbassare ulteriormente il livello del dibattito e lanciarsi in una tirata assurda ne passa un bel po’, certo la misura per Sallusti è solo quella della tiratura e del plauso del padrone e non certo quella del buon gusto.
    Comunque se ha letto bene il mio intervento io di fatto non esorto affatto al silenzio ma ad una risposta dignitosa e possibilmente che ci dimostri migliori di chi si permette di giudicarci.
    Non è scendendo di livello che si dimostra alcunchè, tantomeno vere o presunte superiorità.

  • http://zdenekpol.blogspot.com/ Zdenek

    Ottima analisi.
    Peccato che siamo circondati da berluschini che si accontentano dei titoli dei loro giornali di riferimento.

    A loro basta così.
    A Sallusti e colleghi (“liberi servi”) pure.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Email -- 0 Flares ×